• Nuovo
Shawãdawa Rapé - Power  - 1

Shawãdawa Rapé - Power

Shawãdawa Rapé - Power - 10gr

22,00 €
Tasse incluse

 

Shawãdawa Rapé - Power - 10gr - Una Miscela di Rapé Rivitalizzante per un'Energia Potenziata

Scopri Shawãdawa Rapé Power, una miscela di rapé unica ed energizzante meticulosamente elaborata sotto l'influenza della luna piena. Questa eccezionale miscela combina tabacco naturale, cenere di Tsunu e una tradizionale erba medicinale Shawãdawa conosciuta come Rawaputu, risultando in un'esperienza di rapé potente e rivitalizzante. Il popolo Shawãdawa ha sfruttato il potenziale di Rawaputu per generazioni, utilizzandolo per combattere vari disturbi come mal di testa, sintomi influenzali, insonnia, disturbi mentali e stanchezza.

Ma Shawãdawa Rapé Power non riguarda solo la guarigione; riguarda anche la forza e la vitalità. La comunità Shawãdawa si affida a questo speciale rapé per aumentare i livelli di energia per attività come la pesca, la caccia e il lavoro nei campi. La cosa migliore? Non è necessario seguire una dieta specifica o preparazione per godere dei suoi benefici. Shawãdawa Rapé Power è il tuo compagno quotidiano per mantenerti pieno di energia e motivato.

Altro su Rapé

Il Rapé, un tabacco snuff ampiamente diffuso nell'Amazzonia, fa parte della medicina tradizionale amazzonica e delle pratiche sciamaniche da secoli. Generalmente realizzato con tabacco, spesso contiene varie erbe e piante, aggiungendo sapori unici e presunte proprietà medicinali alla miscela. La forza del rapé può variare a seconda della miscela utilizzata.

Tradizionalmente, il rapé viene somministrato da uno sciamano attraverso una pipa chiamata tepi, che soffia delicatamente piccole quantità di rapé nelle narici, fornendo effetti potenti e immediati. Sebbene tu possa anche auto-somministrare il rapé utilizzando una pipa kuripe, è importante notare che ricevere il rapé da uno sciamano aggiunge un ulteriore strato di guarigione energetica e guida.

Diversi gruppi culturali impiegano il rapé in modi diversi. Alcuni lo usano per le sue proprietà trasformative o per potenziare gli effetti di altre piante medicinali. Può anche essere utilizzato in modo ricreativo come stimolante per il lavoro fisico, grazie alle sue presunte capacità stimolanti dell'energia e ai potenziali effetti di pulizia del corpo.

Si prega di utilizzare il rapé con cura e rispetto, poiché si tratta di un prodotto a base di tabacco e potrebbe causare dipendenza.

Gli Arara Shawãdawa

Gli Arara Shawãdawa, come altri gruppi indigeni nell'Acre, hanno affrontato sfide derivanti dalle incursioni storiche guidate dall'industria delle piantagioni di gomma alla fine del XIX secolo. Hanno subito sfruttamento, espropriazione e soppressione culturale durante questo periodo. Tuttavia, negli ultimi anni c'è stato un risorgimento della loro identità culturale, lingua e sforzi per reclamare le loro terre ancestrali dallo stato brasiliano.

Sebbene gli Arara Shawãdawa abbiano adottato inizialmente il nome "Arara" durante il contatto iniziale con gli agenti delle piantagioni di gomma nel XIX secolo, si sono sempre riferiti a se stessi come Shawãdawa. Il contatto con l'industria della gomma ha profondamente influenzato la loro lingua nativa, causando una diminuzione dei parlanti. Tuttavia, negli ultimi decenni, gli Arara hanno lavorato attivamente per ravvivare e trasmettere la loro lingua alle generazioni più giovani.

Tradizione e Riti

Oggi gli anziani svolgono un ruolo vitale come "custodi della memoria degli Arara", cercando di tramandare i loro miti culturali e rituali ai membri più giovani della comunità. C'è un crescente interesse tra i giovani per imparare le pratiche tradizionali che erano prevalenti in passato. Sebbene questi rituali non siano più così frequenti come un tempo, alcuni, come la danza mariri e il rituale sinbu, continuano a essere praticati, in particolare per mantenere la coesione del gruppo Arara Shawãdawa e rafforzare la loro identità culturale.

Ayahuasca e Kambo

Gli Arara Shawãdawa praticano ancora rituali che coinvolgono l'ayahuasca (liana) e la medicina kambo (rana). Sebbene la maggior parte dei membri della comunità abbia partecipato a questi rituali in qualche momento, alcuni non ingeriscono più l'ayahuasca, anche se lo hanno fatto in passato. Tradizionalmente, l'ayahuasca veniva utilizzata per vari scopi, inclusa la guarigione, con gli sciamani che la consumavano per trattare malattie e guidare i pazienti verso la guarigione.

Il rituale di kambo, mirato a ripristinare la fortuna di un cacciatore, prevede l'estrazione del "latte" da una rana di campo e la sua applicazione ai cani del cacciatore. La pelle del cacciatore viene anche leggermente bruciata in specifiche aree, consentendo l'introduzione del latte della rana. Il successivo vomito e l'evacuazione sono indotti consumando caissuma, una bevanda di manioca fermentata. Dopo il rituale, si ritiene che il cacciatore recuperi qualità essenziali, come una mira migliorata, visione, udito e, soprattutto, fortuna, per migliorare le sue capacità di caccia.

Nelle parole di Arara Chico Cazuza: "L'iniezione viene fatta quando una persona è debole. Quando scala queste pendici, che qui chiamiamo terra. Quando smettiamo di scalare, ci si annebbiano le teste e le gambe si indeboliscono. Allora prendiamo il latte della rana, l'iniezione per migliorare. Questo pulisce tutto, ciò che stiamo sentendo, migliora".

Vivi l'esperienza di Shawãdawa Rapé Power, una miscela impregnata di tradizione e progettata per rivitalizzare la tua energia e il tuo spirito.

No reviews
Product added to wishlist
Product added to compare.

Utilizziamo i cookie per analizzare il nostro traffico e basta.